E’ morto l’orso Bruno

Il nome è un chiaro gioco di parole, non so chi l’abbia inventato ma è certo che in quel modo risultava più simpatico, l’orso JJ1 abbattuto ieri notte in Baviera. Abbattuto, perché? Si tratta del finale amaro di una vicenda che in molti speravano si risolvesse per il meglio: l’orso JJ1, o meglio Bruno, plantigrado di due anni, probabile frutto di un progetto di ripopolamento del Parco del Brenta-Adamello, si era spinto sin oltre il Tirolo, in Baviera, per chissà quale motivo, e qui aveva cominciato a fare razzia di polli e pecore.

Qualche settimana fa era stata presa una decisione: “Non lo ammazziamo, lo catturiamo.” E giù applausi perché, le associazioni ambientaliste e animaliste ripetevano, “sarebbe bello vedere concludersi una vicenda senza uccisioni e danni per nessuno”. Mi tornano in mente le parole che Fiorello in quei giorni ha detto, con naturale accento siciliano, nel suo programma con Baldini su RadioDue: “Ma come, e le pecure?!?”

Giusto, e le pecore? E i polli? Si dirà: è per quello che Bruno è stato abbattuto, non si è riusciti a catturarlo e quella è stata la sua conclusione. Ma oggi ho sentito gli ambientalisti che sbraitavano alla barbara uccisione, Fulco Pratesi che se la prendeva pure con i cacciatori tedeschi che non si dovevano permettere di uccidere un orso italiano… Come se un animale selvatico avesse la cittadinanza di un qualche Paese!

E ci si è messo pure il conduttore del TG5 a dire che “la stupidità non ha confini”. Ma dico, sorvoliamo pure sugli animali che ha fatto fuori (e che non rappresentano neppure la sua dieta comune), quell’orso evidentemente non aveva paura di aggirarsi tra gli insediamenti umani. Dovevamo aspettare che ci scappasse il morto per porre fine alla cosa?

Advertisements
Published in: on martedì, 27 giugno 2006 at 0.20  Comments (9)  

The URI to TrackBack this entry is: https://maxart.wordpress.com/2006/06/27/e-morto-lorso-bruno/trackback/

RSS feed for comments on this post.

9 commentiLascia un commento

  1. Per chiunque volesse inoltrare proteste al Ministro dell’Ambiente Bavarese ho creato un banner sul mio blog che linka al ministero.
    Chi vuole può anche far girare il banner: ho lasciato un post con il codice da copiare e incollare.

    Ciaoooo

    attila
    http://www.controladestra.blogspot.com

  2. Attila, intendiamoci, a me dispiace che Bruno sia morto. Ma c’è da considerare che quegli animali, una volta che cominciano ad avvicinarsi agli allevamenti, poi si fanno sempre più audaci e continuano con le abitazioni. A quel punto il rischio di incidenti è alto, e trovo giusto intervenire in maniera decisa prima che questo avvenga.

  3. leggetevi questo “Posizione del Parco in merito all’uccisione dell’orso JJ1” sul sito
    http://www.parcoadamellobrenta.tn.it/
    Magari se si tocca il portafoglio e si dice che è stato ucciso un orso facente parte di un progetto finanziato dallo Stato Italiano e quindi pagato con i soldi di noi contribuenti, ve la prendete pure voi con la decisione presa dai Tedeschi!! E poi sparare un narcotico faceva tanta differenza??
    Sono in completo DISACCORDO con ogni tua parola!
    Ciao
    Dany

  4. Dany, il tuo commento è un po’ supponente. Se JJ1 fosse stato catturato, penso che tutti saremmo stati più felici. Sono stati fatti dei tentativi, non so in che modo, ma sono andati a vuoto, per cui evidentemente sparare un narcotico è stato differente dallo sparare un proiettile.

    Sinceramente penso che la decisione tedesca potesse essere probabilmente perfettibile, ma dettata soprattutto dai timori della popolazione locale. E, ahimé, quando ci si mette di mezzo il furor di popolo il rischio di fare errori è alto (per questo dico: cerchiamo sempre di dare il giusto peso alle sollevazioni popolari, o si rischia di cadere nel demagogico).

    D’altra parte, non capisco neppure il caso “diplomatico” che ne è uscito fuori. Stiamo parlando di un orso, non di un uomo. E si tratta di uno solo: non credo che la riuscita del progetto di ripopolamento sia messa in crisi dall’uccisione di Bruno (tanto più che se ne era andato già un bel po’ altrove), o non è un progetto serio. Trovo ridicole le parole del comunicato (che ti ringrazio di aver segnalato) delle autorità del Parco, che parla addirittura di probabili “pesanti ricadute negative sulla conservazione dell’orso in Europa”.

    A ciò si aggiunge un altro fatto. E’ notizia recente che la mamma dell’orso JJ1 ha mostrato ultimamente comportamenti simili a quelli di suo figlio nel Trentino. Lei è stata catturata e le è stato applicato un collare satellitare per controllarne gli spostamenti. Se si avvicinerà agli insediamenti umani, ci sarà una task force pronta ad intervenire. Si tratta di un bel daffare.

    Cerchiamo dunque di entrare nell’ottica dell’idea che Bruno era un orso di indole problematica, e che forse gli interventi cui avrebbe costretto le guardie forestali trentine sarebbero stati più costosi che importare un altro plantigrado dalla Slovenia.

    Insomma, la questione verte in sostanza sull’eccessivo emozionalismo attorno alla notizia. E’ roba con cui riempire i telegiornali per fare ascolti, per dirla tutta. L’altro giorno ne ho assistito uno riguardante l’abbattimento programmato di 600 caprioli in Piemonte: il servizio per tutto il tempo ha mostrato solo immagini di esemplari di pochi mesi di vita, e li ha chiamati sempre “Bambi”. Questo non è un modo di dare una notizia, o meglio, è un modo esemplare per sviare dall’argomento principale (il sovrappopolamento della zona, mai menzionato) per far unicamente leva sentimentali sugli ascoltatori.

    Mi dispiace, ma così i problemi non si risolvono. Anche se le immagini di quei caprioli erano uno spettacolo davvero (già, a proposito: Bambi nella fiaba originaria era un capriolo, fu la Disney a trasformarlo in un cerbiatto).

    Comunque, è notizia di oggi che il TAR del Piemonte non ha sospeso l’abbattimento programmato. A me sta bene, la mocetta di capriolo è squisita! :mrgreen:

  5. Un conto è l’uccisione dettata dalla fame dell’orso.
    Un contyo è l’assassionio di quest’ulitmo per la stupidità dell’uomo…
    Vergongna!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  6. Chi ha ammazzato l’orso è la vera bestia!!!

  7. Francesca, ma… Sinceramente, hai letto quello che ho scritto? Hai intenzione di discutere seriamente o solo di sparare slogan? In quest’ultimo caso, ti prego di darti una calmata e di andare in piazze più adatte alla tua vèrve.
    Ah, una nota: solo gli uomini si possono ‘assassinare’. Altrimenti è come dire che ‘viso’ è sinonimo di ‘muso’.

  8. “Ah, una nota: solo gli uomini si possono ‘assassinare’. Altrimenti è come dire che ‘viso’ è sinonimo di ‘muso’.”

    roflastc!
    proprio matematico!

    Adesso è tutto chiaro! 😀

    Ma il grugno? ;P

    Tornando seri: “A quel punto il rischio di incidenti è alto, e trovo giusto intervenire in maniera decisa prima che questo avvenga.”…
    Mi vien da dire che se qualcuno fosse così idiota da andarsi a cercare questi “incidenti” non sarebbe poi una gran perdita! A meno che l’orso fosse sotto psicofarmaci ed avesse qualche misterioso interesse ad inseguire uomini… l’orso che gira in paese va bene per novella 2000 od il tg5, in realtà anche i cacciatori esperti fanno una fatica boia ad avvistarli!

    PS ne venissero di più di orsi psicopatici nei miei boschi, ci aiuterebbero ad eliminare i cervi in eccesso che stanno distruggendo gli abeti…
    PPS che je ha preso a sta francesca?

  9. Ma soprattutto, chi è stato il mongoletto che ha deciso di chiamarlo Bruno? E perché tutti gli sono andati dietro come pecore? Brrrrrivido!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: