Ferragosto nel deserto

Perché in sostanza è quello che è successo ieri in Sardegna. Per un turista, o anche un povero cristo qualsiasi, trovare un negozio qualsiasi aperto era come trovare un’oasi nel deserto.

Con tutti i proclami felici della Confcommercio, che rimarcava con compiacenza che il 75% degli alimentari sarebbero stati aperti a Ferragosto (in netto miglioramento rispetto all’anno passato), il geniale governatore della Sardegna Renato Soru cosa fa? Impone la chiusura di tutte le attività commerciali sul territorio regionale. Vuoi comprare un po’ di prodotti tipici della Sardegna? Torni un’altra volta. Ti servono dei cerotti? Ti cerchi la farmacia di turno. Vuoi una bottiglia d’acqua per combattere la calura estiva? La paghi tre volte tanto al bar. Semplice, no?

E questo strenuo difensore del popolo in ferie, tanto da imporre la vacanza forzata, si aspetta anche che la Sardegna diventi un’attrazione turistica? Dopo l’assurdo decreto che rapina fior di quattrini ai possessori di barche più lunghe di 18 metri per l’attracco in Sardegna (fatto che ha decretato un netto calo delle presenze del turismo più ricco nella regione, Capri e Portofino ringraziano), dopo il decreto “salvacoste” che di fatto impedisce la realizzazione di qualsiasi nuovo edificio vicino ad una qualsiasi estensione d’acqua, dopo il salasso praticato ai possessori di seconde case non residenti in Sardegna, ecco la nuova genialata. L’ultima follia di Soru, che proprio non ne combina una giusta ed a questo punto sfugge anche il motivo più recondito delle sue azioni. Anche tentando di ragionare con il cervello più contorto e populista, non si riesce a trovare il nesso.

E poi non ci si dovrebbe lamentare se l’economia rallenta? Il settore edilizio ha subito una brusca frenata dopo l’ascesa al potere di questo emulo di Zapatero, e della continuità territoriale per i voli si è persa la speranza ormai da tempo. C’è solo da tremare al pensiero di cosa potrà fare l’ex patron della Tiscali in combutta con l’attuale governo di centrosinistra. Già si vocifera che (forse in una crisi di integralismo religioso) voglia estendere la chiusura delle attività commerciali anche a tutte le domeniche.

Per fortuna c’è gente che non gli dà retta. I sindaci di Castelsardo, di Alghero e di Olbia, insieme ad alcuni altri comuni, hanno consentito con una delibera comunale di fregarsene dei ragli di Soru. Il quale si sta facendo talmente tante antipatie che, c’è da scommetterci, verrà ben presto scaricato dalla sua coalizione e dimenticato da tutte le altre forze politiche. Tipo Nichi Grauso.

Advertisements
Published in: on mercoledì, 16 agosto 2006 at 23.59  Comments (6)  

The URI to TrackBack this entry is: https://maxart.wordpress.com/2006/08/16/ferragosto-nel-deserto/trackback/

RSS feed for comments on this post.

6 commentiLascia un commento

  1. Bravo Felice Confalonieri, sei irresistibile quando sparli a destra e a manca, peccato che ci sia chi in Italia ragiona, abbiamo Vinto le Elezioni, e presto quando a Settembre inizierà il risanamento, voi destroidi non potrete far altro che diventare litigiosi come non mai per la tensione emotiva che caratterizza gli sconfitti, e farete il nostro gioco, ovvero non verrete mai più eletti, non potrete mai più far danni… E i tuoi fratelli canappioni, dovranno provare a comprare qualcun’altro, che però non dice SI ma dice NO. No alla secessione, no agli Assassini, no all’evasione fiscale, no a tutto quello che tu rappresenti, corruzione, fascismo, cupidigia, tradimento… ingiustizia,e quant’altro ti si addico.

  2. Si chiama Fedele Confalonieri, testina.

  3. Vedi, i sinistroidi non sanno neanche i nomi dei loro avversari! Quindi, figurati se sanno governare!

  4. Non solo hanno vinto con i brogli, ma alle prossime elezioni verranno mandati a casa a calci nel sedere, perchè la gente non li sopporta più.

  5. E’ un governo di minoranza, cioè, non ha la maggioranza dei consensi degli italiani.

  6. Groove, mi ricordi quand’è che doveva iniziare il “risanamento”? E chi è che doveva mostrarsi litigioso?


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: