Di tutto un po’, V

Un altro “Di tutto un po’”? Ebbene sì, è quanto mai adatto perché domani parto con la mia famiglia per Cogne. Sì, certo, ora viene la battuta facile… 😉 Ma Cogne è un paesello che conosco da due decenni e bisogna dire che è veramente un gioiellino. Magari al ritorno posto qualche foto.

Comunque, inizio riprendendo il discorso di ieri: si è appresa oggi la notizia che a Welby non verrà concesso il funerale religioso. Mia modesta opinione: hanno fatto male. Ormai a qualunque suicida non si nega un rito religioso, in virtù proprio del presupposto dolore che ha spinto una persona a togliersi la vita. Welby non era certo differente sotto questo punto di vista. E’ comunque chiaro che la curia ha voluto timore che la cosa prendesse piede, ma lo trovo retrogrado in ogni caso.

In questi ultimi giorni è stata evidenziata dalle cronache locali (e pettegole, c’è da dire) il caso di un professore (tra)vestito da donna, in classe durante le lezioni. A me personalmente avrebbe fatto senso, e avrei fatto richiamare il docente all’ordine. Ma prima che esprimessi un’opinione, sentendo la notizia al telegiornale mio padre è sbottato: “Embé?! Ma di che si stupiscono? Non sta accadendo lo stesso in Parlamento?!” Cristallino. (Naturalmente con tutte le distinzioni dei casi: tal professore risulta essere sostanzialmente un esibizionista più che un vero “transgender”.)

L’Inter continua a vincere e stavolta anche a convincere: sono 10 vittorie di fila. Mai accaduto nell’era Moratti. Bella forza, qualcuno dirà: sono tranquilli, non c’è la Juve. Il Milan ha fatto una campagna acquisti tipo Albinoleffe, mentre Fiorentina, Palermo e Roma non hanno lo spessore di una squadra da vertice assoluto (e la prima ha pure un bel -15 in classifica). Sembra proprio l’anno dell’Inter, anche se otto mesi fa niente avrebbe fatto pensare ad un cambiamento così drastico.
Com’è accaduto? Sembra troppo improvviso, compreso quello scudetto a tavolino cucito sulla maglia. Chi l’ha deciso quello scudetto? Che domande, Guido Rossi! Attuale presidente della FIGC, e guarda caso ex dirigente dell’Inter. Già, ma perché l’avvicendamento? Per via di Calciopoli. E com’è cominciato il tutto? Con le intercettazioni della Telecom. E chi c’è al capo della Telecom? Tronchetti Provera, vicepresidente dell’Inter!
Già, ma qualcuno potrebbe obiettare: la teoria del complotto non regge perché non era mica sicuro che Rossi finisse presidente della Federcalcio. Infatti: ci vuole qualcuno che ce lo metta, tipo un ministro dello sport accondiscendente e politicamente vicino. Mica si poteva fare con un governo Berlusconi, ma scherziamo! Ed infatti quand’è iniziato tutto? Intorno a maggio, con il nuovo governo di centrosinistra fresco di formazione. Aggiungiamoci che alla Fiorentina hanno condonato soli 4 dei 19 punti di penalizzazione mentre al Milan neanche uno, ed ecco che il cerchio si chiude.
Fantacalcio? Certo, senza dubbio. Ma io non faccio altro che 1+1+1+1, che magari non fa proprio 4 perché non stiamo facendo matematica, ma a mio avviso un qualcosa di verosimile c’è. La cosa più triste è che anche senza Juventus gli arbitri perseverano a sbagliare (anche clamorosamente), si continua a parlare di complotti ed ora c’è chi dice che siano i nerazzurri i nuovi “protetti” dai poteri forti del calcio.
Mah, almeno ci abbiamo guadagnato un Mondiale 😉

Avrei voluto dire qualcosa riguardo all’operazione di Berlusconi e agli incoraggiamenti di Prodi agli Italiani, o meglio avrei voluto disegnarlo, ma il tempo mi è sfuggito via. Quindi ci risentiamo tra qualche giorno e… Buon Natale! 😀

Annunci
Published in: on sabato, 23 dicembre 2006 at 1.40  Comments (2)  

The URI to TrackBack this entry is: https://maxart.wordpress.com/2006/12/23/di-tutto-un-po-v/trackback/

RSS feed for comments on this post.

2 commentiLascia un commento

  1. Ciao Massy, innanzitutto tanti auguri!

    Poi, sono stra-d’accordo con te per la ricostruzione dello “scandalo-calciopoli”. E’ quello che io ho sostenuto fin dall’inizio: hanno cercato di fare fuori tutte le avversarie dell’Inter, fin da subito (vedi i miei post sul tema nei giorni dell’esplosione della bolla). E ti dico di più: l’operazione era nell’aria da anni, dal famoso scontro diretto Inter-Juventus del 1998. I nerazzurri la volevano far pagare alla Juve, innanzitutto, ed a tutti coloro che non hanno acconsentito all’arrivo di Moratti a capo della Federcalcio. E così hanno fatto. Con molta calma, inizialmente, fino al botto scandito dalla triangolazione Governo-Gazzetta-Telecom. Et voilà, l’Inter vince!
    p.s. Come sai, tifo Cagliari. A scanso di equivoci…..

  2. I hope this will make my Juventus stocks go up so I make some money on it 🙂 http://www.trendio.fr/word.php?language=en&wordid=337


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: